21 giugno 2024

Logo t24Il quotidiano Economico Toscano
menu
cerca
Cerca
Territorio

19 maggio 2023

Maltempo in Alto Mugello, è stato di emergenza regionale

Le prime stime indicano danni per 30 milioni alla viabilità. Cna chiede sostegni per le imprese con il decreto aiuti.

In attesa della proclamazione dello stato d’emergenza nazionale, c’è lo stato di emergenza regionale per il maltempo nell’Alto Mugello: lo ha dichiarato il presidente della Regione Toscana Eugenio Giani, che oggi ha effettuato un sopralluogo a Firenzuola, uno dei comuni colpiti nell’area insieme a Marradi, Palazzuolo sul Senio e San Godenzo. “Il ministro Musumeci mi ha dato la disponibilità a esaminare tutti gli atti – ha spiegato il governatore – affinché martedì in Consiglio dei ministri anche questi comuni della Romagna toscana possano avere il giusto sostegno dello Stato per il ripristino della situazione”.

Già 30 milioni di danni alle strade, per le stime

Secondo quanto ha reso noto oggi la Regione, in due giorni sono state segnalate 180 frane, numero destinato ad aumentare. “Le società che gestiscono gli acquedotti – ha spiegato Giani – mi hanno detto che la montagna sta subendo delle modifiche profonde e tutto questo significa un impegno che ci riporta al caso emblematico della scolaresca o di tanti casolari isolati dove la gente si può raggiungere solo telefonicamente”. La conta dei danni del maltempo, in Alto Mugello, è solo all’inizio: “Per il momento, stando a una stima del tutto sommaria e provvisoria fatta dai tecnici, si avvicina ai 30 milioni di euro solo per la viabilità”, ha detto il sindaco della Città metropolitana di Firenze, Dario Nardella.

“La situazione in Alto Mugello rimane critica – ha spiegato l’assessora regionale alla protezione civile, Monia Monni -, le previsioni meteo per sabato 20 maggio non ci aiutano: non sono previste piogge intense, ma si innestano in una situazione complicata con 500 persone ancora isolate”. Ogni anno, ha aggiunto l’assessora, “investiamo soltanto in manutenzione 100 milioni di euro, abbiamo 600 milioni di opere in corso e in fase progettuale avanzata. Investiamo molto in difesa del suolo”.

Cna chiede un sostegno col decreto aiuti

“Chiediamo che le imprese mugellane siano incluse nel decreto aiuti allo studio del Governo – afferma Giacomo Cioni, presidente di Cna Firenze Metropolitana -, perché su quelle dell’Alto Mugello si abbatteranno comunque pesanti ripercussioni economiche, in particolare modo per il venir meno della filiera a valle costituita dalle aziende dell’Emilia Romagna che, in tantissimi casi, costituisce la loro unica clientela. Nel caso così non fosse, riteniamo doveroso che sia la Regione Toscana a sostenerle, stanziando appositi fondi e facendo pressing presso il Governo centrale per includerle nel presumibile provvedimento di sospensione o proroga dei termini fiscali, contributivi, giudiziari e di altro tipo”.

Potrebbe interessarti anche

Articoli Correlati


Territorio

20 giugno 2024

Pioggia di medaglie per il vino toscano

Leggi tutto
Territorio

19 giugno 2024

Alluvione in Toscana, dal 1 luglio i contributi per le imprese

Leggi tutto
Territorio

17 giugno 2024

Ballottaggio a Firenze, l’incognita del mare sul duello Funaro-Schmidt

Leggi tutto

Hai qualche consiglio?

Scrivi alla nostra redazione

Contattaci