8 dicembre 2022

Logo t24
Il quotidiano Economico Toscano
menu
cerca
Cerca
Impresa

07 ottobre 2022

L’università che piace all’impresa

Anche una competizione fra atenei può essere utile fonte di ricerca. Lo spiega il presidente della sezione metalmeccanica di Confindustria Firenze.

di Bruno Pecchioli, presidente della Sezione Metalmeccanica di Confindustria Firenze

Non credo siano in molti a saperlo, ma in Toscana c’è un team di una sessantina di ragazzi e ragazze provenienti principalmente dalla Scuola di Ingegneria dell’Università di Firenze, ma comprende anche studenti e studentesse provenienti da altri settori di studio che hanno progettato e realizzato la FR-21T: una vettura che ha partecipato alla competizione di Formula Student in Repubblica Ceca nel 2021 e che è stata esposta nei giorni scorsi nel capoluogo toscano nel corso della notte dei ricercatori. Ma la cosa che ha ancora più interesse è che questi ragazzi hanno progettato e stanno realizzando, per partecipare all’edizione 2023 della competizione, una vettura a guida autonoma. L’idea nasce dalla loro voglia di misurarsi con le difficoltà di un progetto ambizioso e fortemente all’avanguardia.

Questa è la ricerca che piace alle imprese toscane! Quella che stimola i nostri giovani universitari ad applicare la teoria alla pratica, quella stessa ricerca di cui le nostre imprese hanno bisogno. E lo dimostrano le molte aziende, che hanno sponsorizzato il progetto, ovvero contribuito a realizzarlo e che gli stessi ragazzi hanno coinvolto nell’operazione.

Forse, in questo momento in cui state leggendo questa mie poche righe, starete pensando: ci parla di un gruppo di giovani studenti fiorentini che partecipano ad una competizione universitaria internazionale di design ingegneristico, quando i problemi dell’industria metalmeccanica in questo momento si chiamano: energia, componentistica (che non si trova), ordinativi (che non arrivano). I problemi ci sono. Lo sappiamo bene. Dobbiamo affrontarli tutti i giorni. E navighiamo a vista, come i capitani di un vascello in balia della tempesta. Dobbiamo fronteggiare i marosi, ma anche avere ben saldo l’orizzonte della nostra azienda. E anche lo studio per la progettazione e realizzazione di monoposto per competere a gare universitarie può, a suo modo, contribuire all’impresa. Questa è l’università di cui vogliamo sapere di più e di cui, come Sezione metalmeccanica di Confindustria Firenze, in virtù di un proficuo un continuo, stiamo promuovendo la conoscenza fa le nostre imprese iscritte. Ecco perché vi ho descritto dell’opera del Firenze Race Team: anche questa è la ricerca utile all’impresa!

Potrebbe interessarti anche

Articoli Correlati


Hai qualche consiglio?

Scrivi alla nostra redazione

Contattaci