8 dicembre 2022

Logo t24
Il quotidiano Economico Toscano
menu
cerca
Cerca
Impresa

07 ottobre 2022

Le quattro urgenze dell’economia toscana

Analisi di Banca Intesa su 31mila imprese-clienti: le leve da azionare per la crescita sono investimenti, energia, innovazione e capitale umano.

Silvia Pieraccini

Per superare questa fase economica difficile – caratterizzata da pressioni energetiche, sulle materie prime, inflazionistiche e geopolitiche – la Toscana ha bisogno di azionare quattro leve: investimenti, superamento della (forte) dipendenza energetica, innovazione e capitale umano.

Sono queste le priorità che emergono da un’indagine fatta da Banca Intesa Sanpaolo tra maggio e giugno 2022 tra più di 31mila clienti-imprese, e presentata dal capo dell’ufficio studi Gregorio De Felice nell’incontro con Confindustria organizzato nei giorni scorsi a Firenze.

In Toscana gli investimenti tra 2007 e 2021 sono scesi del 21%

Tra il 2007 e il 2021, secondo Intesa Sanpaolo, gli investimenti fissi lordi sono diminuiti del 14% in Italia e addirittura del 21% in Toscana (mentre sono aumentati del 19% in Germania), mettendo dunque in luce una regione che non è riuscita a tenere il passo (lento) del Paese. Non va meglio sul fronte della dipendenza energetica (e dunque della necessità di ricorrere alle importazioni per soddisfare il fabbisogno) che – sempre secondo i dati mostrati da Intesa Sanpaolo – è stato del 73% in Italia, contro il 64% della Germania e il 57% della media dei 27 Paesi dell’Unione europea.

La ricerca e sviluppo segna +1,6%

I risultati più confortanti si sono avuti sul terreno della ricerca e sviluppo, spia dell’innovazione, con l’Italia che nel 2019 ha segnato +1,46% e la Toscana che ha superato la media nazionale raggiungendo +1,6%, anche se la Germania ancora una volta sovrasta tutti con +3,17%. Un terreno accidentato resta quello del capitale umano, col 42% di figure di difficile reperimento stimato in Italia nell’agosto 2022, percentuale che sale al 44% in Toscana.

Il 2022 sarà un anno di crescita

Nonostante questo, il 2022 – secondo Intesa Sanpaolo – sarà un anno di crescita trainato da costruzioni, meccanica, sistema salute, beni intermedi e sistema casa. La stagione turistica è andata bene, spinta dalle località di mare ma anche dalle performance di Firenze che ha fatto meglio di Roma e Napoli (e meno bene di Venezia). Nel primo semestre l’export toscano è cresciuto del 9,9% sullo stesso periodo 2021 (contro una media italiana del +27,5%) e il saldo commerciale ha recuperato i livelli pre-crisi (9,3 miliardi). “Qualità e internazionalizzazione restano cruciali per conservare una buona competitività e marginalità”, ha affermato De Felice indicando i beni di lusso e le vendite in Nord America come i segmenti e i mercati che permetteranno alle imprese di alzare i prezzi. Opportunità di crescita potrebbero aprirsi anche dalla “regionalizzazione” delle catene di fornitura, spinta dalle difficoltà incontrate da chi ha partner lontani.

Autore:

Silvia Pieraccini

Potrebbe interessarti anche

Articoli Correlati


Banche

11 novembre 2022

Banca Mps, ok allo “scivolo” per oltre 4.000 dipendenti

Leggi tutto
Banche

04 novembre 2022

Banca Mps, concluso l’aumento di capitale

Leggi tutto
Finanza

27 ottobre 2022

Fidi Toscana (in vendita) vara il piano di transizione

Leggi tutto

Hai qualche consiglio?

Scrivi alla nostra redazione

Contattaci