21 giugno 2024

Logo t24Il quotidiano Economico Toscano
menu
cerca
Cerca
Impresa

31 maggio 2024

La Toscana dei musei d’impresa affascina i turisti stranieri

Un’indagine di Museimpresa e Nomisma evidenzia il potenziale delle strutture dedicate all’heritage aziendale.

I musei d’impresa toscani investono in sostenibilità e riescono ad attrarre più degli altri in Italia i turisti stranieri, che possono apprezzare il legame fra il territorio e il saper fare aziendale. E’ il quadro che emerge dall’Osservatorio sul Turismo Industriale realizzato da Museimpresa in collaborazione con Nomisma: un’indagine condotta su 120 strutture a livello nazionale, fra cui 14 toscane.

L’indagine è stata presentata in occasione dell’assemblea generale annuale – che si è tenuta a Firenze – dell’associazione che riunisce musei e archivi di grandi, medie e piccole imprese italiane. L’appuntamento fiorentino ha offerto ai delegati anche un tour al Museo Ferragamo, uno dei musei d’impresa toscani associati: fra essi anche il Museo e Archivio Storico Piaggio, l’Aboca Museum, l’Archivio Storico Orlando Smi e quello di Nuovo Pignone. In attesa che anche il Museo Ginori della porcellana torni a operare.

I musei toscani investono di più in sostenibilità

In Italia nel 2023 il 67% delle presenze nei musei d’impresa è stato di visitatori italiani, mentre il restante 33% proveniva principalmente da Paesi europei, dal Nord America e dall’Asia. Il dato, secondo l’Osservatorio, “sottolinea come ci sia ancora un grande potenziale da esplorare sul fronte dell’internazionalità, con opportunità significative per attrarre un pubblico globale e valorizzare ulteriormente il patrimonio culturale e industriale italiano”. Però, “se ci focalizziamo sulla Toscana – spiega Emanuele di Faustino, responsabile Industria, Retail e Servizi di Nomisma -, anche alla luce della forte vocazione internazionale del suo turismo, i numeri si invertono, perché quasi 6 visitatori su 10 sono proprio stranieri, provenienti soprattutto da Nord America ed Europa”.

Secondo l’Osservatorio, il settore del food&beverage, quello bancario e assicurativo e quello della moda sono i tre ambiti in cui spicca il numero più alto di strutture in Italia dedicate alla valorizzazione della memoria aziendale. Oltre il 90% delle strutture ha effettuato investimenti negli ultimi cinque anni, principalmente in digitalizzazione, restauro, marketing digitale, formazione del personale e miglioramento dell’accessibilità e inclusività. “Si tratta di realtà che hanno un’alta propensione agli investimenti, anche in sostenibilità – dice di Faustino -, e la propensione ad investire su questo elemento è maggiore proprio fra i musei toscani”.

“Un altro elemento che abbiamo indagato – osserva il rappresentante di Nomisma – sono le motivazioni che conducono un’azienda ad aprire un museo o un archivio di impresa. La motivazione guida è la volontà di valorizzare la storia, il know-how aziendale: però attenzione, perché tra gli obiettivi dell’apertura e della fondazione di un museo di archivio di impresa c’è anche quello di valorizzare il territorio in cui l’impresa è presente e opera, e questo legame con il territorio è maggiore fra le aziende toscane”. Per il 2025, Museimpresa e Nomisma si pongono l’obiettivo di misurare l’impatto economico-sociale generato dal turismo industriale.

“Si può copiare tutto, ma non storia e identità”

“La forza delle imprese italiane è coniugare la memoria, la forte consapevolezza della nostra storia, con una spiccata attitudine all’innovazione”, sostiene Antonio Calabrò, presidente di Museimpresa. “Sui mercati globali si può copiare tutto – osserva -, si possono anche aggirare i brevetti. Ma c’è una cosa che non può essere copiata: la storia, l’esperienza, l’identità. La forza delle imprese italiane è lavorare sulla qualità e sui suoi caratteri distintivi: nei nostri musei e archivi storici ci sono testimonianze di questa continua trasformazione. Le imprese italiane hanno dimostrato di saper reggere le sfide del cambiamento e di attraversare una metamorfosi, una transizione che ha a che fare con la sostenibilità ambientale, ma moltissimo con la sostenibilità sociale: è una sfida aperta, ma una sfida obbligatoria rispetto alle nuove generazioni”.

Potrebbe interessarti anche

Articoli Correlati


Industria

20 giugno 2024

Sesa cresce (più del mercato) e nel 2024-25 rafforza il welfare aziendale

Leggi tutto
Industria

20 giugno 2024

Tregua su Amadori, un addio con garanzie (anche per gli avventizi)

Leggi tutto
Impresa

20 giugno 2024

Unicredit supporta lo sviluppo sostenibile di Next Yacht Group

Leggi tutto

Hai qualche consiglio?

Scrivi alla nostra redazione

Contattaci