25 giugno 2022

Logo t24
Il quotidiano Economico Toscano
menu
cerca
Cerca
Impresa

19 maggio 2022

La Tirrenica attende (ancora) il commissario. E i costi

La riqualificazione della strada strategica per lo sviluppo della costa resta sulla carta: il Governo non ha quantificato l’intervento.

E’ dal 2017 che si è deciso di ridimensionare il progetto (storico) dell’autostrada Tirrenica Livorno-Civitavecchia, cancellando la costruzione di una nuova arteria sui 90 chilometri tra Grosseto sud e Ansedonia e sposando l’ipotesi di adeguare l’Aurelia (costruendo due nuove corsie in questo tratto e ammodernando le quattro esistenti tra San Pietro in Palazzi e Grosseto nord). Eppure, a cinque anni di distanza, ancora non si sa quanto costerà questo intervento, che sarà fatto da Anas e non più dalla società autostradale Sat.

Lo ha spiegato l’assessore regionale alle Infrastrutture, Stefano Baccelli, rispondendo in Consiglio regionale a un’interrogazione presentata dalla Lega: “L’Anas ha spedito il progetto al Consiglio superiore dei Lavori pubblici che dovrà dire quale sia il congruo costo economico. Una volta ricevuta la risposta, a oggi non arrivata, si procederà alla quantificazione del costo del progetto, alla nomina del commissario e al reperimento delle risorse necessarie”.

Il mistero sul costo della superstrada

Eppure il ministero aveva già indicato una spesa di 1.019,83 milioni: una cifra più che doppia rispetto a quella annunciata anni fa per la stessa operazione dalla Regione Toscana, pari a 474 milioni (350 per adeguare il tratto Grosseto sud-Ansedonia, 124 milioni per riqualificare il tratto San Pietro in Palazzi-Grosseto nord), poi salita a 600 milioni secondo le ultime stime.

Oltre alle risorse resta da sciogliere il nodo della concessione affidata a Sat (Autostrade per l’Italia), che dovrebbe continuare a gestire i tratti autostradali già in esercizio (da Livorno a San Pietro in Palazzi e da Tarquinia a Civitavecchia) e – nelle previsioni del Governo – passare le competenze ad Anas per realizzare i tratti mancanti (soprattutto i 90 km oggi a due corsie).

Potrebbe interessarti anche

Articoli Correlati


Territorio

24 giugno 2022

Case, in Toscana le compravendite crescono anche nel primo trimestre 2022 (+17%)

Leggi tutto
Territorio

23 giugno 2022

Querci confermato presidente dell’Interporto di Prato

Leggi tutto
Territorio

22 giugno 2022

La Regione salva in extremis la norma sulle semplificazioni Pnrr

Leggi tutto

Hai qualche consiglio?

Scrivi alla nostra redazione

Contattaci