30 settembre 2022

Logo t24
Il quotidiano Economico Toscano
menu
cerca
Cerca
Impresa

14 aprile 2022

Kme, accordo per il rilancio in Italia (e in Toscana)

Un ruolo certo per Fornaci di Barga e per la sede di Firenze, ma anche premi e stabilizzazioni.

Tags

Un ruolo certo per lo stabilimento di Fornaci di Barga e per la sede di Firenze, con un rilancio per tutta l’attività in Italia: è questo, per la Toscana, il valore dell’ipotesi di accordo annunciata oggi tra la direzione aziendale Kme, le organizzazioni sindacali e le Rsu degli stabilimenti italiani del gruppo, compreso il sito piemontese di Serravalle Scrivia (Alessandria). “L’accordo – affermano Fim, Fiom e Uilm – è finalizzato alla protezione ed al rilancio dei siti produttivi in Italia. Il core business dell’azienda rimane la metallurgia, e sono definiti investimenti in tutti gli stabilimenti del gruppo”.

Fornaci di Barga polo centrale nel sud Europa

Fornaci di Barga, in base all’accordo è confermato come stabilimento centrale per la produzione di laminati per il sud Europa e come polo principale per la produzione di laminati industriali in ottone e rame. Il settore lingottiere (Em Moulds) è confermato come sito italiano per la produzione dei cristallizzatori per le acciaierie, e l’ingresso del nuovo azionista di maggioranza (Paragon) secondo l’accordo non comporterà cambiamenti strategici per il sito. La sede di Firenze, a sua volta, continuerà a rivestire il ruolo amministrativo internazionale nel gruppo Kme.

Per il sito di Serravalle Scrivia (Serravalle Copper Tubes) viene confermata la posizione dominante sul mercato domestico del tubo sanitario e la volontà di sviluppo e rilancio dell’azienda. L’accordo prevede inoltre clausole di garanzia, nelle quali – riferiscono i sindacati – l’azienda si impegna a non spostare attività che implichino la perdita di volumi produttivi e viene confermata la commissione economica congiunta, al fine di monitorare l’andamento aziendale.

Nell’accordo premi e stabilizzazioni per gli addetti

Sul versante dei lavoratori, l’accordo prevede un premio di risultato legato al raggiungimento di obiettivi che, in considerazione della crescita aziendale, può arrivare a riconoscere un importo massimo di 2.500 euro, e il premio aziendale dal controvalore di 500 euro annui per l’anno 2022 aumenterà di ulteriori 100 euro. Riguardo il personale assunto con contratto a termine di 12 mesi, l’azienda si impegna a trasformarlo a tempo indeterminato. E’ stato normato il lavoro agile, e viene introdotto un capitolo specifico sulle pari opportunità e molestie sul luogo di lavoro, sulla sicurezza e prevenzione sui luoghi di lavoro, sul diritto alla formazione e sulle nuove assunzioni.

I sindacati plaudono all’intenzione di rilancio di Kme: “Riteniamo questa ipotesi di accordo – affermano – molto importante e fondamentale per gli stabilimenti italiani e per i lavoratori. Dopo quasi 10 anni di accordi difensivi, siamo ritornati a definire un accordo espansivo che apre una nuova fase di incrementi economici e di migliori prospettive. Nelle prossime settimane verranno fatte le assemblee per illustrare i contenuti dell’intesa ed a seguito verrà sottoposta a referendum tra i lavoratori di tutto il gruppo Kme”.

Articoli Correlati


Industria

29 settembre 2022

Solvay guarda al territorio, intesa col Comune di Rosignano

Leggi tutto
Industria

23 settembre 2022

Concordato (in continuità) per Fimer, la crisi è finanziaria

Leggi tutto
Industria

20 settembre 2022

La spinta green fa quadruplicare il fatturato di Novatec

Leggi tutto

Hai qualche consiglio?

Scrivi alla nostra redazione

Contattaci