8 dicembre 2022

Logo t24
Il quotidiano Economico Toscano
menu
cerca
Cerca
Impresa

23 novembre 2022

Italian Wine Brands sbarca in Toscana con Barbanera

Rilevato il 100% delle aziende della famiglia di Cetona, che entrerà nell’azionariato di Iwb con quasi il 7% del capitale.

Tags

Dopo le cantine in Piemonte, Puglia, Veneto, e le società di distribuzione in Svizzera e negli Usa, Italian Wine Brands sbarca anche in Toscana rilevando le aziende vinicole (Barbanera, fondata a Cetona, e Fossalto) che fanno capo alla famiglia Barbanera. Le due aziende oggetto dell’acquisizione, posizionate nella fascia premium del mercato del vino, hanno realizzato nel 2021 un fatturato consolidato di 38,7 milioni di euro (erano 26,6 milioni nel 2019), di cui oltre il 90% realizzato all’estero, con un Ebitda adjusted di 5,4 milioni e un utile netto di 3,8 milioni.

L’operazione prevede che Italian Wine Brands acquisisca il 100% del capitale di Barbanera e Fossalto, sulla base di un equity value complessivo di 42 milioni di euro che verrà corrisposto per cassa alla data del closing (entro e non oltre il 31 marzo 2023, ma indicativamente per fine 2022). Nell’ambito dell’operazione, Iwb si assicurerà l’approvvigionamento di materia prima di qualità attraverso la sottoscrizione di un contratto di fornitura in esclusiva e a lungo termine con Le Forconate, azienda agricola che dispone di circa 33 ettari di proprietà della famiglia Barbanera.

A loro volta, proprio le holding della famiglia Barbanera reinvestiranno in Italian Wine Brands 26,3 milioni di euro con la sottoscrizione di nuove azioni ordinarie, arrivando a detenere il 6,95% del capitale sociale, con un lockup di 36 mesi. Sofia Barbanera, attuale responsabile commerciale Europa e Usa per l’azienda di famiglia, entrerà nel Cda di Iwb.

Per Italian Wine Brands, quotata all’Euronext Growth di Borsa Italiana, questa effettuata in Toscana è la settima acquisizione in sette anni: “Barbanera è una società toscana cresciuta costantemente negli ultimi anni – osserva Alessandro Mutinelli, presidente e amministratore delegato di Iwb -, grazie all’innovazione di prodotto nella fascia premium e ad un continuo allargamento dei propri mercati. I suoi vini vantano innumerevoli recensioni e sono apprezzati da clienti in tutto il mondo. Iwb amplia il proprio portafoglio prodotti e clienti, coerentemente alla propria visione, quella di avere un proprio prodotto, con un proprio marchio, ovunque”.

Potrebbe interessarti anche

Articoli Correlati


Impresa

07 dicembre 2022

Gas, Estra Energie vince la seconda gara Cet da 45 milioni

Leggi tutto
Impresa

07 dicembre 2022

Carrara, il distretto del marmo cambia passo

Leggi tutto
Impresa

07 dicembre 2022

Welfare aziendale, le Pmi toscane brillano per sicurezza e inclusione

Leggi tutto

Hai qualche consiglio?

Scrivi alla nostra redazione

Contattaci