30 gennaio 2023

Logo t24
Il quotidiano Economico Toscano
menu
cerca
Cerca
Impresa

22 settembre 2022

Il turismo toscano vicino al pre-Covid ma soffiano nubi sul fine-anno

Il trimestre giugno-luglio-agosto si chiude con +17,6% rispetto al 2021 ma manca ancora più di 1 milione di pernottamenti rispetto al 2019.

Silvia Pieraccini

Il rischio che da più parti si prospettava, in Toscana si è avverato: appena hanno riaperto le destinazioni internazionali, gli italiani sono tornati a guardare alle vacanze “fuori casa”. E così nell’estate 2022 la costa toscana – secondo l’indagine a campione commissionata dall’agenzia regionale Toscana Promozione Turistica al Centro studi turistici di Firenze – è stata meno affollata di vacanzieri italiani dell’estate 2021 (-1,7% i pernottamenti), anche se si è “consolata” con gli stranieri (+29,3%).

Boom di stranieri, ovunque

Il risultato finale, per il prodotto turistico più gettonato dell’estate com’è appunto il mare, è una crescita di presenze (cioè di pernottamenti in alberghi o strutture extralberghiere) del 5,1%, che si aggiunge alla crescita di tutti gli altri prodotti – città d’arte, campagna, montagna, terme – realizzata grazie alla domanda domestica e, soprattutto, a quella estera. Nell’estate 2022 le presenze italiane in Toscana si sono fermate al +2%, gli stranieri hanno sfiorato il +50%: la pandemia che li aveva tenuti lontano sembra alle spalle, e il peso del mercato estero (trainata da tedeschi, olandesi, francesi e svizzeri) dovrebbe tornare sopra il 40%.

Per tornare ai livelli pre-Covid manca più di 1 milione di pernottamenti

Nel complesso il trimestre estivo giugno-luglio-agosto, secondo queste prime stime, in Toscana si chiude dunque con presenze +17,6% (pari a oltre 22,5 milioni di pernottamenti) rispetto allo stesso trimestre 2021, e con un divario del -4,8% rispetto allo stesso trimestre 2019: per tornare ai livelli pre-Covid manca 1,1 milioni di pernottamenti. Lo studio regionale non tocca il tasto strategico della spesa turistica (i turisti hanno speso più o meno dell’anno scorso?), ma l’aumento dei prezzi di beni e servizi, legato all’inflazione, alle bollette energetiche e alla scarsità di materie prime, renderà decisamente più difficile stimare qual è l’andamento reale del settore.

Buono settembre, male il fine-anno

“La Toscana sta tornando gradualmente ai grandi numeri del 2019 – afferma un comunicato della Regione – e anche le stime delle imprese turistiche per settembre sono abbastanza positive, con una previsione del +10%”. La difficile situazione economica si riflette invece sulle stime per l’ultimo trimestre: solo il 19% degli operatori intervistati prevede una crescita, contro il 25% che teme una flessione rispetto al 2021.

Autore:

Silvia Pieraccini

Potrebbe interessarti anche

Articoli Correlati


Territorio

26 gennaio 2023

Dal salone Pitti Taste la spinta alle aziende agroalimentari di nicchia

Leggi tutto
Territorio

25 gennaio 2023

Lucca alza la tassa di soggiorno (e Firenze è ancora al tavolo)

Leggi tutto
Territorio

23 gennaio 2023

Unione Industriale Pisana, Andrea Madonna presidente sognando la ripresa

Leggi tutto

Hai qualche consiglio?

Scrivi alla nostra redazione

Contattaci