8 dicembre 2022

Logo t24
Il quotidiano Economico Toscano
menu
cerca
Cerca
Impresa

19 luglio 2022

“Il superbonus 110% deve diventare strutturale”

Appello dell’associazione di costruttori Ance Toscana nord (Prato, Pistoia, Lucca) per la stabilizzazione dell’incentivo e lo sblocco dei crediti accumulati.

Silvia Pieraccini

Daria Orlandi, presidente di Ance Toscana nord

La misura del superbonus 110% – introdotta dal Governo nell’estate 2020 per stimolare la ripresa del settore edilizio e oggi al centro di polemiche per le incertezze interpretative e gli abusi applicativi – deve “diventare strutturale, in modo che i benefici siano generalizzati” (oggi la misura è temporanea, con scadenze diverse a seconda che si tratti di condomini o di edifici unifamiliari).

Fuori dal mercato chi non è qualificato

A ribadire la necessità di stabilizzazione è ora, in un comunicato, la neo presidente di Ance Toscana nord (Prato, Pistoia, Lucca), Daria Orlandi, che ricorda l’impatto positivo – in termini di nuove tasse, Iva, contributi, lavoro, risparmio energetico – messo in moto dal superbonus, e misurato da uno studio commissionato da Ance nazionale. “Certo è importante che le opere siano eseguite a regola d’arte – aggiunge Orlandi – e purtroppo osserviamo che troppi si improvvisano ‘impresa’,  senza averne le competenze: sollecitiamo tutti a controllare bene le credenziali professionali dell’azienda a cui affidano la ristrutturazione della propria casa”.

Rischio di fallimenti se non si sbloccano i crediti fiscali accumulati

In quest’ottica Ance Toscana nord ha organizzato e potenziato i corsi di formazione sull’allestimento di ponteggi e sull’installazione dell’isolamento a cappotto alle Scuole edili di Lucca, Prato e Pistoia. Fondamentale, sottolinea l’associazione, è che nell’immediato “vengano sbloccati i crediti per eseguire i contratti in corso e portare a termine i lavori  già affidati o addirittura iniziati; in assenza di tale provvedimento, le imprese non potranno smaltire l’enorme mole di crediti fiscali accumulata, e alcune sono già a rischio di incolpevole fallimento” . 

Autore:

Silvia Pieraccini

Potrebbe interessarti anche

Articoli Correlati


Territorio

08 dicembre 2022

Terme di Montecatini, la Regione compra tre stabilimenti (16,4 milioni) per salvarle

Leggi tutto
Territorio

07 dicembre 2022

“I pannelli solari a Firenze? Meglio sui tetti dei capannoni”

Leggi tutto
Territorio

06 dicembre 2022

Rigassificatore di Piombino, udienza al Tar del Lazio il 21 dicembre

Leggi tutto

Hai qualche consiglio?

Scrivi alla nostra redazione

Contattaci