28 settembre 2022

Logo t24
Il quotidiano Economico Toscano
menu
cerca
Cerca
Impresa

07 marzo 2022

Il gran ballo dell’informatica in Toscana

Si moltiplicano le operazioni di fusione e acquisizione di aziende software e di servizi digitali nella regione.

informatica in toscana

 

E’ il settore che in Toscana, negli ultimi mesi, sta mostrando maggior effervescenza e dinamismo. E che sta registrando un tourbillon di operazioni di M&A (fusioni e acquisizioni), trainate dalla domanda in ascesa. Il mondo del software e dei servizi digitali, soprattutto diretti al segmento business, è sempre più strategico nello sviluppo delle aziende e nella loro capacità di intercettare clienti e mercati.

Grandi & piccoli si mobilitano

Si muovono i grandi gruppi, come l’empolese Sesa protagonista nel 2021 di ben 15 acquisizioni di piccoli operatori dell’Ict, ma – e questa è la novità – si muovono anche le società di dimensioni più contenute, alla ricerca di partner per consolidare competenze e allargare reti commerciali. La transizione digitale è in atto.

Da Lucca al Mugello

E’ il caso della lucchese Akeron, specializzata in software per ottimizzare le performance delle reti di vendita e per gestire i contratti ricorrenti, fondata da Manuel Vellutini, Marco Pierallini e altri manager dopo la vendita, nel 2017, della loro “creazione” Tagetik alla multinazionale olandese Wolters Kluwer per la cifra-record di 300 milioni. Akeron si è appena fusa con un’altra piccola società di software lucchese, Nubess, formando una realtà da 130 dipendenti, più di 400 clienti e circa 10 milioni di fatturato, nella quale è entrato col 30%, attraverso un aumento di capitale, il fondo di private equity White Bridge. L’operazione servirà a consolidare il portafoglio di soluzioni informatiche e a sviluppare i canali commerciali, soprattutto all’estero partendo da Benelux, Germania, Svizzera e Spagna.

E’ passata di mano poche settimane fa, invece, Temera, azienda del Mugello fondata e guidata da Arcangelo D’Onofrio, leader nelle soluzioni Iot per la moda di lusso (fa chip per il tracciamento dei capi, per l’anticontraffazione e la gestione del campionario): ad acquistare l’intero capitale è stato il gruppo brasiliano Beontag, che già deteneva il 48% attraverso la controllata italiana Lab Id, e che ora punta a creare un polo mondiale dell’identificazione automatica.

Da Prato a Empoli

Riassetto azionario anche per la pratese TT Tecnosistemi, fondata e guidata da Riccardo Bruschi, che invece di inseguire il sogno di sbarcare in Borsa ha scelto di entrare in un gruppo già quotato: il 51% del capitale è stato acquisito nel novembre 2021 dalla romana Digital Value, quotata all’Euronext Growth Milan (l’ex Aim dedicato alle piccole e medie imprese), per 8,5 milioni di euro (sei volte l’ebitda di riferimento pre-sinergie). TT Tecnosistemi, nata nel 1984, oggi conta 160 addetti e 44,9 milioni di fatturato 2020 (con ebitda di 3,3 milioni, utile netto di 1,5 milioni e una posizione finanziaria netta negativa per 3,5 milioni) ed è attiva soprattutto nell’Italia centrale con 2.700 clienti tra imprese e pubblica amministrazione. Ha sviluppato particolari competenze nei settori tessile-moda, sanità, utilities, Gdo e manifatturiero. Nei mesi scorsi è diventata società benefit e ora punta a ottenere la certificazione BCorp entro il 2022. «Solo essendo parte di un gruppo di grandi dimensioni – afferma Bruschi – sarà possibile soddisfare le esigenze dei nostri clienti offrendo loro le migliori soluzioni tecnologiche e il miglior servizio, e al tempo stesso consentire ai nostri dipendenti e collaboratori opportunità di crescita professionale».

L’ampliamento dell’offerta è alla base anche della strategia di Sesa, quotata al segmento Star, che continua ad acquisire piccoli operatori (e profili professionali) per rafforzare segmenti in cui è poco presente. Al 31 dicembre 2021 il gruppo contava quattromila dipendenti con la prospettiva di arrivare a fatturare, nel bilancio che chiuderà il 30 aprile 2022, 2,3 miliardi di euro (+13%) con un ebitda di 165 milioni (+30%).

Anche la formazione accelera

Il dinamismo societario si riflette anche sulla formazione. Proprio Sesa è tra i promotori del nuovo Its (istituto tecnico superiore, le scuole pubblico-private biennali post-diploma) ‘Prodigi’ dedicato alle tecnologie informatiche, che partirà il prossimo ottobre.

Sempre in autunno aprirà a Firenze – dopo la positiva esperienza avviata nel 2020 a Roma – la scuola ‘42’, innovativo modello inventato in Francia per insegnare ai giovani la programmazione informatica (coding) attraverso l’auto-apprendimento: non ci sono insegnanti, si impara realizzando progetti di gruppo e superando così livelli crescenti di difficoltà, come nei videogiochi.

La scuola dura tre anni, è gratuita e non richiede titoli di studio né esperienze, solo la maggiore età e una passione per le tecnologie digitali. Sono aperte le iscrizioni per selezionare i 150 studenti del primo anno. L’operazione fiorentina è frutto della collaborazione tra Università Luiss ‘Guido Carli’(partner italiano del network ‘42’, già presente in 25 Paesi) e Fondazione Cassa di risparmio di Firenze (Fcrf), che finanzierà la scuola con 1,2 milioni all’anno e che la ospita in una sede prestigiosa: si tratta dell’Innovation Center di piazza del Cestello, in riva all’Arno, creato dalla stessa Fondazione ristrutturando l’ex Granaio dei Medici e oggi sede dell’acceleratore d’imprese Nana Bianca, di startup e di Pmi innovative.

Potrebbe interessarti anche

Articoli Correlati


Impresa

28 settembre 2022

Moda, l’empolese Officina Ciemmeci entra nel polo dei terzisti di lusso

Leggi tutto
Impresa

28 settembre 2022

Sesa non si ferma, Var Group acquisisce Alfasap

Leggi tutto
Impresa

27 settembre 2022

Estra rileva Ecocentro Toscana e cresce nei rifiuti

Leggi tutto

Hai qualche consiglio?

Scrivi alla nostra redazione

Contattaci