1 marzo 2024

Logo t24Il quotidiano Economico Toscano
menu
cerca
Cerca
Top Aziende

28 novembre 2023

I vini di Villa Santo Stefano ora guardano all’Italia

L’azienda sulle colline lucchesi è di una coppia tedesca, lui ex manager Bmw, lei scrittrice. Acquistati 11 ettari in Maremma.

Silvia Pieraccini

credit: Massimo Tessandori Bernini

E’ l’esempio classico di una piccola azienda vinicola che negli ultimi anni ha migliorato la qualità dei propri vini, ha costruito la cantina, allargato la produzione e potenziato la distribuzione estera. Adesso Villa Santo Stefano (l’ex Villa Bertolli) sulle colline lucchesi, dal 2001 proprietà del tedesco Wolfgang Reitzle ex manager Bmw e della moglie Nina Ruge, punta a fare il salto d’immagine e commerciale. “Vogliamo sbarcare nelle maggiori città italiane”, annuncia Petra Pforr, responsabile vendite, marketing e eventi, che lavora a fianco dell’amministratore unico Alessandro Garzi e dell’enologo Alessio Farnesi. “Finora i nostri vini sono andati soprattutto in mercati come Germania, Austria e Svizzera e in parte della Toscana – aggiunge – adesso vogliamo allargare la distribuzione”. Tra i progetti c’è anche quello di ampliare le degustazioni in azienda, attività ormai diffusa per far conoscere territorio e prodotti delle cantine.

La produzione è di circa 50mila bottiglie

Villa Santo Stefano è una piccola azienda che produce cinque vini bianchi e rossi (Igt Toscana e Doc Colline Lucchesi) per un totale di circa 50mila bottiglie all’anno, proveniente dai vigneti intorno alla villa (un ettaro) e dagli 11 ettari acquistati in Maremma nel 2022, e produce anche 1.500 litri d’olio extravergine biologico Dop Lucca. L’ultimo vino, uscito quest’anno, si chiama Nina, in onore della moglie scrittrice di Wolfgang, ed è 100% Cabernet Franc, affinato per 14 mesi in barrique e prodotto in edizione limitata di sole duemila bottiglie. L’imprenditore tedesco, grande appassionato del Cabernet Franc, cercava un territorio in cui questo vitigno potesse esprimere le potenzialità e lo ha trovato nella zona di Manciano, a sud di Grosseto, dove appunto ha comprato gli 11 ettari. Con questo progetto Villa Santo Stefano ha ampliato le linee, lanciandosi nella produzione di grandi vini toscani.

Autore:

Silvia Pieraccini

Potrebbe interessarti anche

Articoli Correlati


Industria

01 marzo 2024

Acciaierie di Piombino, siglata anche l’intesa con Jsw

Leggi tutto
Impresa

01 marzo 2024

Nuova cantina per il Brunello di Poggio Antico, la belga Atlas investe 25 milioni

Leggi tutto
Impresa

29 febbraio 2024

Gkn: dietrofront di Qf sui licenziamenti, via a esodi incentivati

Leggi tutto

Hai qualche consiglio?

Scrivi alla nostra redazione

Contattaci