27 maggio 2024

Logo t24Il quotidiano Economico Toscano
menu
cerca
Cerca
Territorio

15 maggio 2023

Elezioni: nei piccoli Comuni prevale il centrodestra

I risultati nei centri sotto i 15.000 abitanti, dove non c’è il ballottaggio. Sorprese e riconteggi in vista. In Toscana affluenza al 58,1%.

Silvia Pieraccini

L’affluenza al voto nei 22 Comuni toscani che hanno rinnovato il sindaco e i Consigli comunali domenica 14 maggio e lunedì 15 maggio è del 58,1%, un punto e mezzo in meno delle precedenti elezioni comunali del 2018 (era stata il 59,6%). La percentuale di affluenza più alta è stata a Capraia Isola, dove su 404 elettori l’affluenza ha sfiorato il 74% (c’è una sola sezione elettorale); quella più bassa è stata all’Impruneta, dove sono andati a votare la metà (il 50,5%) degli 11.673 elettori.

Proprio a Capraia Isola ha vinto il candidato Lorenzo Renzi, imprenditore turistico a capo della lista “Obiettivo Capraia” che diventa sindaco per 1 voto: ha preso 147 voti contro i 146 di Maria Ida Bessi, sindaca uscente di centrosinistra (nel 2018 eletta presidente della Provincia di Livorno), della lista “Progetto Capraia”. A Caprese Michelangelo (Arezzo), 700 votanti, ha vinto Marida Brogialdi della lista civica “Insieme per Caprese” appoggiata trasversalmente da centrodestra e centrosinistra che ha travolto con l’85,2% l’avversaria Ginevra Dinelli della lista “Io scelgo Caprese”.

A Capolona (2.495 votanti, sempre in provincia di Arezzo) ha fatto il bis il sindaco Mario Francesconi, civico col sostegno del centrodestra, che si è presentato a capo della lista “Futuro per Capolona” prendendo il 47,93% dei voti al fotofinish contro Sario Dini della lista “Capolona dentro di noi” che ha preso il 47,36%: in pratica 1.171 voti al primo e 1.157 al secondo. A Semproniano (Grosseto), 804 elettori, c’era un’unica lista, “Semproniano bene comune” guidata dal sindaco uscente Luciano Petrucci, che è stato votato dal 57,46% degli elettori (462): naturalmente, essendo unico candidato, ha preso il 100% dei voti. A Montecatini Val di Cecina (Pisa) ha vinto Francesco Auriemma, candidato civico appoggiato dalla Lega, che ha preso il 76,2% con la lista “Montecatini vede il futuro”, lasciando a distanza lontanissima la candidata del centrosinistra Nadia Giannelli (21,88%).

A Marradi, in Mugello, ha vinto nettamente Tommaso Triberti, sindaco uscente di Italia Viva, che si presentava con la lista “Insieme per Marradi” e ha preso il 70,14% (i votanti sono stati 1.787) surclassando il candidato del centrodestra, Stefano Benedettini che è rimasto al 20,48%. All’Impruneta (Firenze) ha prevalso, per una manciata di voti, Riccardo Lazzerini con la lista “Impruneta Rip@rti” appoggiata da Pd, Movimento 5 Stelle, Partito Socialista, Sinistra Ecologista e Il Coraggio di Cambiare: Lazzerini ha preso 2.183 voti contro i 2.049 del candidato Matteo Aramini, ex vicesindaco uscito dal Pd poche settimane fa che si era candidato con la lista “Impruneta Futura”.

A Rio nell’Elba (Livorno), ha vinto il sindaco uscente Marco Corsini, candidato civico che era stato sfiduciato dal Consiglio comunale e che si presentava con la lista “Riouniti”: ha ottenuto 965 voti contro i 925 di Umberto Canovaro della lista “Cambiamo!” appoggiata dal Pd. Il risultato più clamoroso è quello di Poggio a Caiano, in provincia di Prato, dove il centrosinistra perde dopo 25 anni la guida della città: vince Riccardo Palandri, sostenuto dal centrodestra, con 2.094 voti contro i 2.033 del sindaco uscente Francesco Puggelli. A Ponte Buggianese (Pistoia) vince invece in modo netto (83,5%) il sindaco uscente di centrosinistra Nicola Tesi con la lista “Il Ponte di tutti” contro Nadia Lupori del centrodestra rimasta al 15,4%.

A Laterina Pergine Valdarno è andato in scena un altro ribaltone: ha vinto Jacopo Tassini, sostenuto dal centrodestra, col 58% dei voti, contro Michele Gragnoli, assessore della Giunta uscente di centrosinistra che ha preso il 42,1%. A Castell’Azzara (Grosseto) dopo un anno di commissariamento (i consiglieri si erano dimessi) diventa sindaco Tullio Tenci della lista “Uniti per il Comune” che ottiene il 52% (368 voti) contro Marco Papalini della lista “Futura” che si ferma al 48% (339 voti). Gavorrano (Grosseto) mantiene fede alla sua tradizione di centrosinistra, anche se più sbiadita: vince Stefani Ulivieri, assessora della Giunta uscente, che ottiene il 54,28% contro Andrea Maule del centrodestra (45,7%). A Magliano in Toscana il sindaco eletto è Gabriele Fusini, a capo della lista civica “Magliano 2028” di centrosinistra, che ha ottenuto il 35,5%, visto che in gara c’erano altri tre candidati che hanno rastrellato voti.

A Monte Argentario (Grosseto) vince per la terza volta il sindaco di centrodestra Arturo Cerulli (36,6%) con la lista “Civico 23” sostenuta da Fratelli d’Italia, incalzato sia da Roberto Cerulli (31,9%) sostenuto dal centrosinistra che da Priscilla Schiano (31,5%) sostenuta da Lega e Forza Italia: in termini di voti i tre candidati hanno preso rispettivamente 2.476, 2.157 e 2.132. Infine a Santa Maria a Monte (Pisa) diventa sindaca Manuela Del Grande col 47,7% dei voti e il sostegno del centrodestra.

Autore:

Silvia Pieraccini

Potrebbe interessarti anche

Articoli Correlati


Territorio

23 maggio 2024

Immobiliare: Engel&Völkers amplia sede a Firenze (ma il problema è trovare case da vendere)

Leggi tutto
Territorio

23 maggio 2024

Fabbrica Europa, Confindustria chiede ai candidati di sostenere l’industria

Leggi tutto
Territorio

22 maggio 2024

Alluvione 2023, la Regione riapre il bando in aiuto alle imprese colpite

Leggi tutto

Hai qualche consiglio?

Scrivi alla nostra redazione

Contattaci