8 dicembre 2022

Logo t24
Il quotidiano Economico Toscano
menu
cerca
Cerca
Impresa

04 ottobre 2022

Ecopol raddoppia la capacità produttiva e assume 30 persone

L’azienda di Chiesina Uzzanese (Pistoia) inaugura un nuovo stabilimento e chiude il 2022 con quasi 50 milioni di ricavi (+70%).

Le due fabbriche Ecopol a Chiesina Uzzanese (Pistoia)

Ecopol inaugura un secondo stabilimento produttivo di film idrosolubili (usati per contenere i detersivi monodose per lavatrice e lavastoviglie) da oltre quattromila metri quadrati a Chiesina Uzzanese (Pistoia), accanto a quello esistente, e raddoppia così spazi e capacità produttiva per prepararsi a un’ulteriore crescita dopo quella, repentina, degli ultimi cinque anni che l’ha trasformata da realtà artigianale a leader europea del settore. Ricavi in crescita di oltre il 70%.

L’azienda pistoiese (che nel 2017 fatturava due milioni di euro con 12 addetti) chiuderà il 2022 con quasi 50 milioni di fatturato, in aumento di oltre il 70% rispetto al 2021, e un margine operativo lordo a doppia cifra; per il 2023 è prevista una crescita superiore al 50%. Il film idrosolubile viene esportato al 90% in Paesi europei, dove vengono confezionati i detersivi dei grandi gruppi mondiali. Con questa fabbrica (il cui tetto è coperto da un impianto fotovoltaico da 400 kilowatt) la superficie produttiva sfiora i novemila metri quadrati, per un investimento complessivo di 40 milioni di euro negli ultimi tre anni.

I dipendenti, oggi 130, saliranno a 160 entro il 2023 con l’inserimento di operai addetti alle linee produttive, magazzinieri e addetti al controllo qualità. Il terzo stabilimento è negli Usa. L’azienda controllata dall’imprenditore Mauro Carbone e partecipata dal fondo francese Tikehau Capital (col 40%) sta costruendo anche uno stabilimento da 35 milioni di euro in Georgia (Usa).

“Cinque anni fa eravamo eravamo un piccolo produttore italiano”, ha detto Carbone inaugurando lo stabilimento che si trova nel polo industriale intitolato a Sergio Marchionne. “Oggi chi in Europa compra un detersivo per lavastoviglie incapsulato in un film idrosolubile ha una forte probabilità di toccare il film prodotto qui a Chiesina Uzzanese, che è biodegradabile in meno di 90 giorni in acqua, non rilascia microplastiche e sarà una soluzione per ridurre in maniera importante l’uso della plastica”.

Dai detersivi al beauty al food Carbone, ex manager di un gruppo svizzero di trading di materie prime, pensa alle applicazioni nel settore beauty, per rimpiazzare le bottiglie di bagnoschiuma e di shampo, e ai packaging ecologici per uso alimentare. “Siamo solo all’inizio del compattare – ha spiegato – con le monodosi si diminuisce drasticamente il numero di camion che girano l’Europa: un flacone di prodotto liquido contiene l’80% di acqua mentre le monodosi prodotte con film idrosolubile ne contengono almeno otto volte meno”. Lo stesso discorso vale per le polveri non compattate che hanno bisogno di molto più spazio rispetto a un tablet. Il costo dell’energia in Italia mette a rischio molte aziende.

Carbone ha ringraziato anche le banche Credit Agricole Italia, Banco Bmp e Intesa Sanpaolo che nel marzo scorso hanno erogato a Ecopol un finanziamento da 35 milioni di euro per realizzare la fabbrica americana per il sostegno presente e futuro. Lo stabilimento in Georgia, nella contea di Spalding, sarà pronto nell’aprile 2023 e impiegherà 130 persone. Negli Usa il costo dell’energia è sei volte inferiore a quello italiano ha concluso Carbone. Se lo stato e l’Europa non prenderanno il problema di petto, l’economia e le persone andranno incontro a fortissime difficoltà.

Potrebbe interessarti anche

Articoli Correlati


Impresa

07 dicembre 2022

Gas, Estra Energie vince la seconda gara Cet da 45 milioni

Leggi tutto
Impresa

07 dicembre 2022

Carrara, il distretto del marmo cambia passo

Leggi tutto
Impresa

07 dicembre 2022

Welfare aziendale, le Pmi toscane brillano per sicurezza e inclusione

Leggi tutto

Hai qualche consiglio?

Scrivi alla nostra redazione

Contattaci