26 giugno 2022

Logo t24
Il quotidiano Economico Toscano
menu
cerca
Cerca
Impresa

23 marzo 2022

A Ecopol 35 milioni dalle banche per aprire in Usa

Maxi finanziamento all’azienda pistoiese che produce le pellicole idrosolubili che avvolgono i detersivi monodose.

Silvia Pieraccini

Si prepara a crescere ancora, e a costruire uno stabilimento in Usa, la Ecopol di Chiesina Uzzanese (Pistoia), azienda leader europea nella produzione di film biodegradabili e idrosolubili in alcool polivinilico (le pellicole che avvolgono i detersivi monodose per la lavatrice e la lavastoviglie).

Una fabbrica americana con 130 addetti

Credit Agricole Italia, Banco Bpm e Intesa Sanpaolo hanno concesso all’azienda pistoiese, controllata (col 56%) dall’imprenditore Mauro Carbone e partecipata (33%) dal fondo Tikehau Capital, un finanziamento da 35 milioni di euro che servirà a realizzare un impianto di produzione negli Stati Uniti. “Quello statunitense è un mercato in crescita che vede un leader mondiale nella produzione di film idrosolubili – spiega Carbone -. Il Covid e la guerra hanno dimostrato però che è meglio diversificare i fornitori, e noi vogliamo portare una soluzione alle multinazionali”. Lo stabilimento americano di Ecopol richiederà un investimento di 38 milioni di dollari, con la creazione di 130 posti di lavoro, e sarà pronto nel giro di un anno. “Dobbiamo fare presto, c’è un business che ci aspetta”, dice Carbone.

Da 2 a 28,5 milioni di ricavi in quattro anni

Ecopol è cresciuta fortemente negli ultimi quattro anni, passando dai due milioni di fatturato 2017 (con 12 dipendenti) ai 28,5 milioni di fatturato 2021 (con 108 dipendenti, età media di 42 anni). La previsione per quest’anno è di arrivare a 50 milioni di ricavi, grazie alla crescita del mercato – spiega Carbone – e alla tecnologia sviluppata “in casa” che permette all’azienda di essere competitiva. Proprio la forte crescita ha portato alla costruzione di un nuovo stabilimento da 5.500 metri quadrati nel 2020, che ora è in corso di ampliamento (sarà completato in estate) per aggiungere altri 4.500 metri quadrati, arrivando così a 10.000 mq. L’investimento a Chiesina Uzzanese a regime sarà di 30 milioni di euro, con altre 40 persone da assumere.

Pellicola ecologica che non rilascia microplastiche

Nel quartier generale pistoiese sono concentrate ricerca&sviluppo, controllo qualità, finanza e processo produttivo che dà vita a un prodotto “eco”: “Non ci sono microplastiche e il film è totalmente biodegradabile”, sottolinea Carbone, ex manager di un grande gruppo di trading materie prime che a fine 2016 ha deciso di tornare in Italia dalla Svizzera e di tentare la ristrutturazione di una piccola azienda che all’epoca aveva poco fatturato e molti debiti, e che oggi è leader produttivo europeo nel settore.

Autore:

Silvia Pieraccini

Potrebbe interessarti anche

Articoli Correlati


Industria

15 giugno 2022

L’Accademia dei Georgofili in aiuto delle imprese alimentari toscane

Leggi tutto
Industria

14 giugno 2022

Accordo Liberty Steel-Greensill, buone notizie per la Magona

Leggi tutto
Industria

09 giugno 2022

Distretto tessile pratese, accordo per una filiera più “green”

Leggi tutto

Hai qualche consiglio?

Scrivi alla nostra redazione

Contattaci