21 giugno 2024

Logo t24Il quotidiano Economico Toscano
menu
cerca
Cerca
Territorio

11 giugno 2024

Daniele Calosi è il nuovo segretario della Fiom Cgil Toscana

“Massimo impegno nella raccolta firme per i referendum Cgil sul lavoro e nell’attenzione alle crisi aziendali, da Piombino alla ex Gkn”.

Daniele Calosi

Daniele Calosi è il nuovo segretario generale di Fiom Cgil Toscana. E’ stato eletto a Firenze dall’assemblea regionale dell’organizzazione, riunita nella sede di Cgil Toscana, alla presenza di Michele De Palma (segretario generale Fiom Cgil nazionale) e di Rossano Rossi (segretario generale Cgil Toscana).

Calosi succede a Massimo Braccini, che ha guidato la Fiom Toscana dal 2014 e attualmente dirige la Fiom Cgil Livorno e Grosseto. L’assemblea ha ringraziato Braccini per l’attività svolta e augurato a Calosi buon lavoro. La Fiom Cgil Firenze-Prato-Pistoia, finora guidata da Calosi, andrà al rinnovo del segretario generale nelle prossime settimane. Il neosegretario, fiorentino, classe 1969, ha iniziato a lavorare al Nuovo Pignone, dove diventa delegato Fiom Cgil. Dal 1998 è funzionario sindacale e l’8 marzo 2013 viene eletto segretario generale dei metalmeccanici di Firenze, poi confermato nel 2018. È stato dirigente regionale Fiom ed è dirigente nazionale Fiom, nonché coordinatore per la Segreteria nazionale Fiom del gruppo Nuovo Pignone. È anche alla guida della Fiom di Prato, dal 30 novembre 2020, e di Pistoia dal 18 ottobre 2021.

“Massimo impegno e grande responsabilità”

“Un grande onore e una grande responsabilità, ringrazio tutti e tutte per la fiducia. Proprio oggi, nel 1984, moriva Berlinguer. Ne rimasi molto colpito, venivo da una famiglia comunista e due giorni dopo mi iscrissi alla Fgci, iniziando un percorso di impegno politico-sociale che poi ha trovato il suo esito nel sindacato”, le prime parole di Calosi dopo l’elezione. Ha poi illustrato le priorità a breve termine: “Massimo impegno nella raccolta firme per i referendum Cgil sul lavoro, nella trattativa per il rinnovo del contratto nazionale dei metalmeccanici e nell’attenzione alle crisi aziendali, a partire da quelle più grandi come Piombino ed ex Gkn, dove chiediamo un ruolo più attivo delle istituzioni locali e nazionali. Va poi riconquistata una contrattazione territoriale per gli artigiani metalmeccanici: la contrattazione è la strada per difendere i salari in un momento in cui anche chi lavora perde potere d’acquisto”. (redgs)

Potrebbe interessarti anche

Articoli Correlati


Territorio

20 giugno 2024

Pioggia di medaglie per il vino toscano

Leggi tutto
Territorio

19 giugno 2024

Alluvione in Toscana, dal 1 luglio i contributi per le imprese

Leggi tutto
Territorio

17 giugno 2024

Ballottaggio a Firenze, l’incognita del mare sul duello Funaro-Schmidt

Leggi tutto

Hai qualche consiglio?

Scrivi alla nostra redazione

Contattaci