26 maggio 2024

Logo t24Il quotidiano Economico Toscano
menu
cerca
Cerca
Territorio

16 ottobre 2023

Fondazione Bellisario e Banca Intesa premiano le imprese a guida femminile

Menzioni speciali a due aziende toscane. L’obiettivo è favorire la partecipazione delle donne al mondo del lavoro, anche con credito dedicato.

Silvia Pieraccini

I rappresentanti delle 35 aziende del Centro Italia premiate

Nel 2022 l’Italia si è collocata all’ultimo posto tra i Paesi europei per tasso di attività femminile (pari al 56,4%, 13 punti in meno rispetto alla media Ue27 secondo l’ufficio studi Banca Intesa). E pensare che le realtà a guida femminile hanno maggiore attenzione al capitale umano, alla sostenibilità e alla conciliazione tra vita professionale e famiglia. E ottengono risultati migliori in termini di crescita del fatturato e di produttività del lavoro.

Le Pmi vincitrici sono 100

Proprio per dare visibilità alle Pmi a guida femminile la Fondazione Marisa Bellisario e Banca Intesa hanno ideato sette anni fa il premio Women Value Company: le imprese vincitrici sono 100 (su 1.200 candidature arrivate da tutta Italia), di cui 35 del Centro Italia che sono state festeggiate oggi, 16 ottobre, a Palazzo Incontri a Firenze. Tra queste 35 aziende, i promotori hanno assegnato tre menzioni speciali: quella ‘Donne per il sociale’ alla cooperativa viareggina La Gardenia che si occupa di servizi per l’infanzia, anziani, assistenza domiciliare e ai disabili, emergenza abitativa; la menzione ‘Donne per l’innovazione’ è andata all’azienda Relief di Navacchio (Pisa), nata nel 2019 come spin-off dell’istituto di Biorobotica della Scuola superiore Sant’Anna di Pisa e inventrice di una tecnologia per trattare forme gravi di incontinenza urinaria (Relief poche settimane fa ha vinto anche il contest organizzato da Confindustria Livorno-Massa Carrara per far incontrare startup innovative con multinazionali); la terza menzione speciale ‘Donne per l’estero’ è andata a un’azienda emiliana, la Dino Paoli che produce avvitatori e componenti per automotive e ha un ceo donna e un consiglio di amministrazione a maggioranza femminile.

Da Banca Intesa 1 miliardo di credito

Il Premio Women Value Company si lega a una delle missioni del Piano nazionale di ripresa e resilienza (Pnrr) che destina risorse per favorire la partecipazione delle donne al mondo del lavoro: in quest’ottica Banca Intesa ha stanziato 1 miliardo di euro di credito, a livello nazionale, per sostenere l’avvio e il rafforzamento dell’imprenditoria femminile.

La Camera di commercio di Firenze premia 60 aziende

Giornata di premiazioni anche alla Camera di commercio di Firenze, dove hanno ricevuto il riconoscimento “Firenze e il lavoro” – nato negli anni Cinquanta – 60 aziende della Città metropolitana: 30 imprese storiche (nate più di 50 anni fa), 17 imprese femminili, 9 imprese guidate da giovani e quattro startup. “Le imprese sono il cuore pulsante dell’economia – ha detto il presidente Leonardo Bassilichi – e la Camera di commercio è la loro casa da oltre due secoli e mezzo; questo riconoscimento è un piccolo contributo a rafforzare lo spirito con cui la nostra economia è ripartita dopo due anni difficili e sta dimostrando di essere competitiva anche in questa fase di rallentamento generalizzato a livello internazionale”.

Autore:

Silvia Pieraccini

Potrebbe interessarti anche

Articoli Correlati


Territorio

23 maggio 2024

Immobiliare: Engel&Völkers amplia sede a Firenze (ma il problema è trovare case da vendere)

Leggi tutto
Territorio

23 maggio 2024

Fabbrica Europa, Confindustria chiede ai candidati di sostenere l’industria

Leggi tutto
Territorio

22 maggio 2024

Alluvione 2023, la Regione riapre il bando in aiuto alle imprese colpite

Leggi tutto

Hai qualche consiglio?

Scrivi alla nostra redazione

Contattaci