30 gennaio 2023

Logo t24
Il quotidiano Economico Toscano
menu
cerca
Cerca
Impresa

02 settembre 2022

Confindustria Toscana: “Sull’energia interventi subito, o le imprese moriranno”

Appello del presidente Maurizio Bigazzi che teme danni irreversibili al sistema produttivo. Le proposte dell’Unione industriale pisana.

Silvia Pieraccini

Il tempo della resistenza è scaduto. La fatica delle imprese nel dribblare gli ostacoli incontrati sul cammino della ripresa – i costi energetici sopra tutto, ma anche quelli delle materie prime – si fa sentire e, senza interventi immediati, porterà conseguenze fatali.

E’ il presidente di Confindustria Toscana, Maurizio Bigazzi, a rilanciare oggi, 2 settembre, l’allarme-sopravvivenza: “O si interviene subito – afferma – oppure, nell’anno nuovo, anche in Toscana si conteranno i gravi e irreversibili danni al sistema produttivo”. Fino a oggi le imprese hanno resistito erodendo i margini, aggiunge Bigazzi, ma ora sarà sempre più difficile “perché gli insostenibili costi le stanno uccidendo”.

Sì agli impianti rinnovabili e al rigassificatore di Piombino

Tra i provvedimenti che il presidente degli industriali toscani vede con favore ci sono gli impianti di energie rinnovabili che sono stati sbloccati ieri, 1 settembre, dal Consiglio dei ministri, su proposta del presidente Mario Draghi, e cioè la centrale geotermica da 10 Mw di Abbadia San Salvatore (Siena), ai piedi del Monte Amiata, e l’impianto eolico da 29,6 Mw sul Monte Giogo, in Mugello; e anche la nave rigassificatrice che dovrebbe essere installata nel porto di Piombino per trasformare allo stato gassoso, e immettere nella rete nazionale, il gas in arrivo in forma liquida da varie parti del mondo. “L’impianto previsto a Piombino è un elemento fondamentale di quella strategia nazionale che consentirà a imprese e famiglie di fronteggiare l’emergenza energetica”, afferma.

Gli industriali pisani: si rischiano fermi e cassa integrazione

L’allarme per l’aumento dei costi energetici “fuori controllo” preoccupa anche la presidente dell’Unione Industriale pisana, Patrizia Pacini: “Si rischiano fermi e cassa integrazione pur avendo ordini – dice – la politica intervenga subito, le soluzioni ci sono, serve il coraggio”. E per diminuire il costo dell’energia e la dipendenza da altre nazioni, Pacini elenca: centrali geotermiche, rigassificatori e termovalorizzatori, potenziamento del fotovoltaico, snellimenti burocratici. “Le uniche soluzioni che vediamo percorribili a breve termine – conclude la presidente degli industriali pisani – sono aumentare gli approvvigionamenti di gas naturale liquefatto tramite nuovi rigassificatori; aumentare la capacità dei tre già esistenti; svincolare il prezzo dell’energia elettrica da quello del gas naturale; mettere un tetto al prezzo massimo del gas sul mercato europeo”. Secondo gli industriali di Pisa questa crisi è ancora più grave della pandemia: esattamente la stessa posizione sostenuta dagli industriali di Prato, Pistoia e Lucca.

Autore:

Silvia Pieraccini

Potrebbe interessarti anche

Articoli Correlati


Impresa

30 gennaio 2023

A Grosseto un parco fotovoltaico da 32 milioni che “insegue” il sole

Leggi tutto
Impresa

27 gennaio 2023

Chima Florence investe nel fotovoltaico con Gesco

Leggi tutto
Impresa

27 gennaio 2023

Ferragamo cresce, ma il Covid cinese pesa sui ricavi 2022

Leggi tutto

Hai qualche consiglio?

Scrivi alla nostra redazione

Contattaci