27 maggio 2024

Logo t24Il quotidiano Economico Toscano
menu
cerca
Cerca
Territorio

22 giugno 2022

Chianti, Nobile, Brunello: confermati i presidenti dei consorzi

Continuità alla guida di tre dei principali istituti di tutela del vino toscano in una fase di mercato ancora positiva.

Nessuno scossone al vertice di tre dei principali consorzi di tutela vini della regione, in una fase in cui le vendite continuano a crescere: +17,9% l’export toscano nei primi tre mesi 2022.

Giovanni Busi, titolare dell’azienda vitivinicola Travignoli, è stato confermato all’unanimità, per altri tre anni, alla presidenza del consorzio del Chianti, che guida dal 2010. Vicepresidenti sono Ritano Baragli (cantina sociale Colli Fiorentini) e Alessandro Zanette (Gruppo Italiano Vini). Il consorzio è il più grande della Toscana con 3.500 aziende socie che rappresentano 15mila ettari di vigneto e 720mila ettolitri venduti.

A Montalcino fa il tris alla guida del consorzio del Brunello (ma solo gli ultimi due mandati sono consecutivi) Fabrizio Bindocci, amministratore dell’azienda vinicola Il Poggione, confermato all’unanimità nelle settimane scorse per il prossimo triennio. Tre i vicepresidenti: Giacomo Bartolommei (Caprili), Riccardo Talenti (Talenti) e Enrico Viglierchio (Banfi). Il consorzio riunisce 214 soci e tutela 4.300 ettari di vigneto, di cui 2.100 a Brunello, contingentati dal 1997.

A Montepulciano invece Andrea Rossi, 51 anni, ex sindaco della cittadina senese e socio dell’azienda Vecchia Cantina, fa il bis: nelle settimane scorse è stato confermato alla guida del consorzio del vino Nobile per il secondo mandato di tre anni. Vicepresidenti sono Susanna Crociani e Luca Tiberini.

Potrebbe interessarti anche

Articoli Correlati


Territorio

27 maggio 2024

Elezioni fiorentine, ecco il manifesto degli ingegneri

Leggi tutto
Territorio

23 maggio 2024

Immobiliare: Engel&Völkers amplia sede a Firenze (ma il problema è trovare case da vendere)

Leggi tutto
Territorio

23 maggio 2024

Fabbrica Europa, Confindustria chiede ai candidati di sostenere l’industria

Leggi tutto

Hai qualche consiglio?

Scrivi alla nostra redazione

Contattaci