2 marzo 2024

Logo t24Il quotidiano Economico Toscano
menu
cerca
Cerca
Top Aziende

31 gennaio 2023

Cgil Toscana, Rossi nuovo segretario: “Cambiamo modello di sviluppo”

Già al vertice della Cgil di Lucca, il sindacalista empolese è un ex delegato Sammontana: succede a Dalida Angelini.

Leonardo Testai

Tags

Rossano Rossi (terzo da sinistra), nuovo segretario generale Cgil Toscana

Rossano Rossi è il nuovo segretario generale della Cgil Toscana, e raccoglie l’eredità di Dalida Angelini: lo ha eletto il congresso regionale del sindacato, che si è svolto a Firenze, con circa il 90% dei voti favorevoli in assemblea generale. “Ci attende un lavoro difficile – ha dichiarato Rossi – ma allo stesso tempo stimolante: c’è da cambiare un modello di sviluppo che ha fallito e che ha costruito un mondo ingiusto, ambientalmente insostenibile e pieno di diseguaglianze, prima di tutto serve la capacità di indignarsi di fronte alle ingiustizie e impegnarsi per combatterle”.

“Un confronto vero” con le controparti

All’interno della Cgil regionale, ha sottolineato il neosegretario, “sarà fondamentale valorizzare la voglia e l’entusiasmo dei giovani, così come la passione e l’esperienza dei più grandi”, mentre alle controparti chiede “un confronto vero”. Rossi, 61 anni, ha iniziato da delegato di base nella Sammontana a Empoli, dove lavorava come cellista – ossia, addetto alle celle frigorifere – per entrare nel coordinamento nazionale Rsu, di cui fu promotore, oltre che nel direttivo nazionale della Cgil. Esponente dalla sinistra sindacale, nel 2002 ha iniziato a far parte della segreteria di Cgil Toscana: successivamente è stato responsabile di zona nell’Empolese Valdelsa e, dal 2016, segretario generale della Cgil a Lucca.

Angelini, in carica dal luglio 2015, ha annunciato in apertura del congresso la volontà di non ricandidarsi a segretaria generale a 5 mesi dalla scadenza naturale del mandato, che è di 8 anni: “Una scelta presa per rispetto e responsabilità – ha detto -, con umiltà e decisione, per evitare di fermare l’organizzazione tra 5 mesi per eleggere un nuovo segretario generale, in quanto la fase e il contesto sono complicati e difficili. Ognuno di noi è a disposizione dell’organizzazione, mai il contrario”.

Dare gambe al Patto per lo sviluppo (e al Pnrr)

La segretaria uscente ha lasciato un quadro di priorità per l’immediato futuro. Dare gambe al Patto per lo sviluppo firmato con la Regione Toscana e le parti sociali, con “un appello a tutti i firmatari a un confronto mirato per scegliere insieme le priorità di intervento”. Valorizzare le altre intese tra Regione e sindacato, come gli accordi sugli appalti, il Patto per il Lavoro, il Patto per la Salute. Sul Pnrr, ha detto Angelini, “vogliamo partecipare alle scelte e al controllo di ciò che si spende, vogliamo garantire legalità e qualità del lavoro”.

Grande attenzione, secondo l’ormai ex segretaria, servirà poi sul tema delle politiche industriali: “E’ necessario mettere in campo una vertenza che, partendo dalle crisi, rilanci la vocazione manifatturiera. E’ la battaglia più importante che abbiamo di fronte. Perché l’alternativa è il trionfo della rendita, l’eccesso di terziarizzazione, la definitiva perdita del Made in Italy, l’ulteriore polarizzazione sociale e territoriale e la marginalizzazione definitiva della Toscana rispetto alle Regioni d’Europa”.

Multiutility, ancora no alla quotazione in Borsa

Sulla Multiutility Toscana, Angelini ha ribadito l’obiezione principale della Cgil: “Siamo contrari alla quotazione in Borsa, vogliamo ragionare di lavoro e servizi di qualità, di contenimento delle tariffe. Sarebbe opportuno un ruolo forte della Regione affinché il progetto riguardasse tutta la Toscana piuttosto che solo un quarto dei Comuni, pur importanti”. Ma non solo: “Vedo un rischio di disgregazione – ha aggiunto -, di ulteriore allargamento delle fratture, e in fondo si offre legittimità all’idea di chi pensa che da soli si fa meglio”.

Autore:

Leonardo Testai

Potrebbe interessarti anche

Articoli Correlati


Territorio

01 marzo 2024

Tar Toscana, il 9 maggio si decide sugli affitti brevi a Firenze

Leggi tutto
Territorio

01 marzo 2024

Oltre 4 milioni e mezzo per le imprese della Toscana Sud

Leggi tutto
Territorio

01 marzo 2024

Ex Farmoplant di Massa, avvio al progetto pilota per l’attività di “Bio-remediation”

Leggi tutto

Hai qualche consiglio?

Scrivi alla nostra redazione

Contattaci