28 novembre 2022

Logo t24
Il quotidiano Economico Toscano
menu
cerca
Cerca
Impresa

30 giugno 2022

Cartiere Cardella investe sei milioni in un impianto di biometano

Intesa Sanpaolo finanzia l’operazione con 2,4 milioni di euro e tassi di interesse agganciati a obiettivi di sostenibilità.

Dalle acque reflue industriali produrrà biometano, grazie a un investimento di sei milioni di euro finanziato per 2,4 milioni di euro da Intesa Sanpaolo e assistito dalla Garanzia Green di Sace all’80%. L’iniziativa è della storica azienda familiare lucchese Cartiere Modesto Cardella spa, che da 75 anni produce bobine di carta da ondulare per imballaggio (200mila tonnellate all’anno), con 100 dipendenti e 83 milioni di fatturato 2021.

L’azienda costruirà un digestore anaerobico nel proprio impianto di depurazione delle acque reflue di cartiera, che produrrà biogas poi trasformato in biometano e immesso nella rete nazionale di gas.

Un finanziamento agganciato a obiettivi di sostenibilità

Il finanziamento è sustainability loan, tipologia ideata da Intesa Sanpaolo per supportare le imprese virtuose nel conseguimento di obiettivi Esg (environmental, social, governance). L’operazione – precisa un comunicato – rientra nel piano più ampio di Intesa Sanpaolo di supporto agli investimenti delle aziende nella transizione ambientale e negli obiettivi legati al Piano nazionale di ripresa e resilienza (PNRR).

Le fonti rinnovabili sono un’urgenza

“La realizzazione dell’impianto per la produzione di biometano è parte centrale del progetto di
riqualificazione del territorio che abbiamo denominato #energiamo – afferma Rosaria Cardella delle Cartiere Modesto Cardella – e che prevede la realizzazione di opere destinate alla comunità e al miglioramento del sito industriale. Vogliamo affrontare concretamente il tema della sostenibilità e delle energie rinnovabili in un momento storico in cui è diventato reale urgenza”.

Per Intesa Sanpaolo si tratta di un’operazione importante perché “supporta un progetto di sostenibilità che riguarda il settore dell’industria cartaria che è trainante per l’economia toscana”, afferma Tito Nocentini, direttore regionale Toscana e Umbria. “In questo momento in cui i rincari
dell’energia stanno colpendo pesantemente le aziende – aggiunge – la nostra banca intende essere ancor più di supporto alle diverse realtà produttive, finanziando i progetti ispirati a criteri di sostenibilità
e circular economy”.

Potrebbe interessarti anche

Articoli Correlati


Impresa

25 novembre 2022

Il 33% delle scatole Ekart a una holding di Hong Kong (ma con capitale italiano)

Leggi tutto
Industria

25 novembre 2022

Una nuova toscana in Borsa: arriva l’idrogeno di Erredue

Leggi tutto
Impresa

24 novembre 2022

Poltronova rilancia per continuare a scrivere la storia del design

Leggi tutto

Hai qualche consiglio?

Scrivi alla nostra redazione

Contattaci