21 giugno 2024

Logo t24Il quotidiano Economico Toscano
menu
cerca
Cerca
Impresa

28 marzo 2023

Anche la filiera nautica si compatta (come la moda)

Il cantiere Sanlorenzo compra il 49% di Sea Energy, suo fornitore strategico, per sviluppare tecnologie innovative.

Silvia Pieraccini

Il processo impetuoso che sta portando i grandi marchi della moda ad acquisire le aziende terziste (e i terzisti più strutturati ad acquisire i propri subfornitori) per controllare la filiera produttiva e assicurarsi puntualità e trasparenza delle lavorazioni contagia anche l’industria nautica.

Sanlorenzo acquisisce il 49% della viareggina Sea Energy

L’ultima mossa è di un leader come il cantiere Sanlorenzo – quartier generale ad Ameglia (La Spezia) e sedi a Viareggio e Massa – che ha acquisito il 49% di Sea Energy, azienda di Viareggio che progetta, produce e installa impiantistica elettrica e elettronica navale. Il valore dell’operazione – rende noto un comunicato – è quasi 2,7 milioni di euro. Secondo l’ultimo bilancio depositato, Sea Energy ha fatturato 6,15 milioni di euro nel 2021, in crescita rispetto ai 4,17 milioni del 2020 e ai 3 milioni del 2020. L’utile 2021 è stato di 289mila euro.

Ulteriore passo nel rafforzamento della catena di fornitura

“L’operazione di acquisizione di Sea Energy ha una rilevanza strategica per Sanlorenzo – afferma l’azienda – che prosegue nel percorso di verticalizzazione dei propri fornitori strategici. La competenza e l’esperienza maturate da Sea Energy consentiranno di avere un patrimonio di know-how di eccellenza e fortemente specialistico, orientato allo sviluppo dei progetti attenti alla sostenibilità”. Parla di “ulteriore passo nel rafforzamento della supply chain” il presidente e ceo di Sanlorenzo, Massimo Perotti, che definice Sea Energy “un’eccellenza del territorio che negli ultimi anni ha sviluppato una significativa esperienza nel campo della propulsione elettrica e ibrida: tale know-how rende questa operazione pienamente coerente con la nostra visione Road to 2030 per lo sviluppo di tecnologie innovative e sostenibili in grado di rivoluzionare lo yachting”.

Autore:

Silvia Pieraccini

Potrebbe interessarti anche

Articoli Correlati


Industria

20 giugno 2024

Sesa cresce (più del mercato) e nel 2024-25 rafforza il welfare aziendale

Leggi tutto
Industria

20 giugno 2024

Tregua su Amadori, un addio con garanzie (anche per gli avventizi)

Leggi tutto
Impresa

20 giugno 2024

Unicredit supporta lo sviluppo sostenibile di Next Yacht Group

Leggi tutto

Hai qualche consiglio?

Scrivi alla nostra redazione

Contattaci