27 maggio 2024

Logo t24Il quotidiano Economico Toscano
menu
cerca
Cerca
Impresa

17 novembre 2023

Alluvione, call center Alia per i rifiuti industriali

Le imprese devono chiamare Alia ai numeri 800.888333 da rete fissa, 199.105105 da rete mobile e 0571.1969333 da fisso e mobile.

Rifiuti industriali

Prosegue da 15 giorni il lavoro di Alia Servizi Ambientali per fare fronte all’emergenza alluvione che ha colpito la Toscana nella notte fra il 2 e il 3 novembre 2023. Prosegue nei territori coinvolti dal disastro, l’opera di rimozione dei rifiuti urbani e di pulizia delle strade. Una montagna di rifiuti domestici, tra ingombranti e indifferenziati di ogni genere, ma anche elettrici ed elettronici, che si sono accumulati in diversi Comuni nelle province di Firenze, Prato e Pistoia. Oltre 20mila le tonnellate di materiale alluvionato portato via finora dalle strade. 

Rimosse 20mila tonnellate di materiale alluvionato

A questo importante lavoro si aggiunge adesso anche la rimozione dei rifiuti prodotti dalle utenze non domestiche, accumulati nei piazzali e lungo le strade nei vari siti produttivi e artigianali delle zone colpite dall’emergenza.

Alia, sulla base dell’ordinanza commissariale n. 93 del 10.11.2023, è stata individuata come soggetto attuatore della gestione di questo genere di rifiuti.  Per la loro rimozione, a partire da oggi le imprese possono contattare il call center di Alia ai numeri 800.888333 da rete fissa, 199.105105 da rete mobile e 0571.1969333 da rete fissa e mobile, per ricevere le istruzioni sulle modalità di attivazione del servizio. Il call center spiegherà agli utenti i successivi step della procedura, inviando loro un link tramite il quale sarà possibile scaricare l’apposita modulistica da compilare e restituire firmata. A partire da lunedì 20 novembre, oltre a questo canale, sarà disponibile una modalità di comunicazione digital self-service attraverso il sito web di Alia al suo indirizzo web.

Raccomandazioni per la gestione dei materiali deteriorati

La raccomandazione è quella di mantenere i materiali, ove possibile, all’interno dell’area aziendale separando i rifiuti simili agli urbani (come mobilia e imballaggi) dai rifiuti elettrici ed elettronici (Raee) e dai rifiuti generati dall’evento alluvionale. Quest’ultima categoria comprende tutto il materiale che, in conseguenza dell’evento, ha acquisito la natura giuridica di rifiuto perché interessato da acqua, fanghi e detriti che ne hanno alterato la natura originaria tale da determinare l’obbligo di disfarsene.

Sono esclusi, invece, da questa gestione i materiali che erano già, o comunque sarebbero stati, classificati come rifiuti al momento dell’alluvionale. Alia non potrà dunque provvedere alla gestione degli scarti di lavorazione e di altri rifiuti generati in qualsiasi fase del processo produttivo o artigianale, né alla gestione di rifiuti già presenti nei registri di carico e scarico dell’impresa, anche se interessati dall’evento alluvionale. (red)

Potrebbe interessarti anche

Articoli Correlati


Impresa

24 maggio 2024

Pelletteria: Sapaf compie 70 anni e cresce con i clienti di nicchia (e con l’AI)

Leggi tutto
Industria

24 maggio 2024

Baker Hughes, nuova commessa multimilionaria in Algeria con Maire Tecnimont

Leggi tutto
Impresa

23 maggio 2024

Orsini presidente di Confindustria, la Toscana applaude

Leggi tutto

Hai qualche consiglio?

Scrivi alla nostra redazione

Contattaci