31 gennaio 2023

Logo t24
Il quotidiano Economico Toscano
menu
cerca
Cerca
Impresa

30 dicembre 2022

La nascita della multiutility toscana slitta ancora

Conferite in Alia il 20,6% di Toscana Energia e il 3,9% di Publiacqua. Rinviata la fusione di Consiag, Publiservizi e Acqua Toscana.

Silvia Pieraccini

A piccoli, piccolissimi passi verso il traguardo. La società pubblica dei rifiuti Alia ha acquisito oggi, 30 dicembre, la partecipazione del 20,6% detenuta dal Comune di Firenze nella società di distribuzione del metano Toscana Energia (controllata dal Gruppo Italgas) e quella del 3,9% detenuta dal Comune di Pistoia nella società idrica Publiacqua. A fronte di questi conferimenti, Alia aveva varato un aumento di capitale da 60 milioni di euro.

Manca il parere dell’Antitrust, la fusione è rinviata

Bisognerà invece aspettare ancora per l’incorporazione in Alia delle holding Consiag di Prato, Publiservizi di Empoli e Acqua Toscana (che riunisce le partecipazioni di 32 Comuni toscani e di Consiag in Publiacqua, in tutto il 53%) perché manca il parere tecnico dell’Antitrust. In attesa di questo parere, che è considerato un atto scontato, la fusione per incorporazione – considerato l’atto di nascita della multiutility (ancora senza nome) – è dunque rimandata di un paio di settimane. “Il percorso della multiutility continua, siamo vicini alla fusione vera e propria”, ha detto il sindaco di Firenze, Dario Nardella, annunciando oggi la firma per il conferimento delle azioni di Toscana Energia in Alia e definendolo un altro “passaggio molto importante”.

La protesta dei sindaci dell’Empolese è rientrata

L’attesa del parere Antitrust, che blocca temporaneamente la fusione, arriva dopo che nei giorni scorsi i sindaci dell’Empolese-Valdelsa guidati dalla prima cittadina di Empoli, Brenda Barnini (una delle promotrici della multiutility), avevano stoppato il conferimento di Publiservizi in Alia per ragioni tecniche e politiche. Dopo un giorno, e dopo le aperture del sindaco Nardella, quelle resistenze si sono dissolte, e ora i sindaci dell’Empolese hanno fatto marcia indietro.

Il percorso della multiutility è ancora lungo

Secondo lo schema previsto, nella prima fase la multiutility (controllata dai Comuni di Firenze col 37% e di Prato col 18%) consoliderà i rifiuti (controllerà il 100% della nascente newco operativa Alia OpCo) e l’acqua (avrà il 57,6% di Publiacqua), per un totale di circa 680 milioni di ricavi e 170 milioni di margine operativo lordo (ebitda). Tra le partecipazioni non consolidate figureranno invece il 39,6% di Estra (apportato da Consiag), il 19,3% della pisana Acque (apportato da Publiservizi), e il 31% di Toscana Energia (apportato dal Comune di Firenze e da Publiservizi). I passaggi successivi punteranno ad aumentare la partecipazione in Estra (fondamentale per diventare multiutility e non solo bi-utility) e, come atto finale, alla quotazione in Borsa mantenendo il 51% in mano pubblica.

Autore:

Silvia Pieraccini

Potrebbe interessarti anche

Articoli Correlati


Territorio

26 gennaio 2023

Dal salone Pitti Taste la spinta alle aziende agroalimentari di nicchia

Leggi tutto
Territorio

25 gennaio 2023

Lucca alza la tassa di soggiorno (e Firenze è ancora al tavolo)

Leggi tutto
Territorio

23 gennaio 2023

Unione Industriale Pisana, Andrea Madonna presidente sognando la ripresa

Leggi tutto

Hai qualche consiglio?

Scrivi alla nostra redazione

Contattaci