27 maggio 2024

Logo t24Il quotidiano Economico Toscano
menu
cerca
Cerca
Impresa

03 marzo 2023

Accessori metallici: 2C raddoppia il fatturato (sopra 50 milioni) e compra Joker

L’azienda di Massimo e Anna Coveri, dopo un 2022 record, investe 5 milioni in un nuovo capannone e nuovi macchinari.

Silvia Pieraccini

Continua il dinamismo nel settore degli accessori metallici (fibbie, borchie, chiusure, ganci, catene) per la moda di lusso, che negli ultimi mesi è stato al centro di numerose operazioni di acquisizione effettuate soprattutto da fondi d’investimento.

Ora invece è un’azienda di Scandicci (Firenze), la 2C della famiglia Coveri, produttore di fibbie e borchie per borse e bijoux dei grandi marchi francesi e italiani, a fare shopping dopo aver messo a segno una crescita record nel 2022: il fatturato ha superato i 50 milioni di euro, praticamente raddoppiato rispetto ai 26 milioni del 2021 (+93%). Adesso 2C sta perfezionando l’acquisizione di un “vicino di casa”, la Joker di Scandicci, azienda che fattura 5 milioni di euro, conta 15 addetti ed è attiva anch’essa nella produzione di minuterie metalliche per grandi marchi.

Investiti 5 milioni in un nuovo capannone e macchinari

Il closing dell’operazione, seguita dal commercialista Francesco Marchisello, avverrà in aprile, dopodiché Joker sarà fusa per incorporazione dentro 2C, che arriverà così ad avere 190 dipendenti. Nel frattempo l’azienda di Massimo e Anna Coveri sta investendo in nuovi macchinari (presse e torni) per lo stampaggio a caldo – una fase strategica del processo produttivo che rischia di concentrarsi nelle mani dei fondi d’investimento – e nell’acquisto di un capannone confinante di 800 mq. L’investimento complessivo, in questo caso, è di cinque milioni.

L’obiettivo di 2C è aumentare la capacità produttiva per soddisfare le commesse dei grandi marchi che, dopo la frenata della fase Covid, hanno ripreso a correre mettendo a segno crescite importanti. Il fermento è ben visibile nel distretto fiorentino della pelletteria di lusso, che ha il “cuore” proprio a Scandicci, dove di recente hanno annunciato la costruzione di nuovi stabilimenti dedicati alla pelletteria brand come Vuitton e Tod’s (entrambi a Pontassieve), mentre Yves Saint Laurent (a Scandicci) e Balenciaga (a Cerreto Guidi) stanno completando investimenti produttivi anch’essi milionari.

Autore:

Silvia Pieraccini

Potrebbe interessarti anche

Articoli Correlati


Impresa

24 maggio 2024

Pelletteria: Sapaf compie 70 anni e cresce con i clienti di nicchia (e con l’AI)

Leggi tutto
Industria

24 maggio 2024

Baker Hughes, nuova commessa multimilionaria in Algeria con Maire Tecnimont

Leggi tutto
Impresa

23 maggio 2024

Orsini presidente di Confindustria, la Toscana applaude

Leggi tutto

Hai qualche consiglio?

Scrivi alla nostra redazione

Contattaci