23 giugno 2024

Logo t24Il quotidiano Economico Toscano
menu
cerca
Cerca
Impresa

05 giugno 2024

Aboca supera i 300 milioni di ricavi e si conferma B Corp

Margine operativo lordo sopra i 60 milioni. Investimento da 150 milioni nei prossimi 4 anni per potenziare la capacità produttiva.

Silvia Pieraccini

Continua la crescita di Aboca, l’azienda di Sansepolcro (Arezzo) leader nello sviluppo e produzione di dispositivi medici e integratori alimentari per la cura della salute a base di piante officinali. Il bilancio 2023 – segnala un comunicato – si è chiuso con ricavi pari a 311 milioni di euro (quasi +20% sul 2022) e un margine operativo lordo (ebitda) che ha superato i 60 milioni (+30%), grazie soprattutto all’export. In particolare sono andati bene mercati strategici come Francia e Germania.

Società Benefit e BCorp

“Il nostro incremento scaturisce dalla coerenza con cui dal 1978 cerchiamo in natura soluzioni terapeutiche – afferma l’ad Massimo Mercati, figlio del fondatore Valentino – al forte impegno in ricerca scientifica e al consolidamento delle nostre reti di vendita nei principali Paesi europei”. Aboca ha imboccato da tempo la strada della sostenibilità ed è società Benefit dal 2017 (ha modificato lo statuto inserendo accanto all’obiettivo del profitto quelli di beneficio per la comunità e l’ambiente). All’inizio del 2024 ha ottenuto da BLab la ri-certificazione di sostenibilità B Corp – uno degli standard più elevati a livello mondiale di misurazione delle performance Esg (environmental, social, governance) – con un risultato pari a 124,2 punti.

150 milioni di investimenti nei prossimi quattro anni

“L’unicità di Aboca – spiega Mercati – è data dal controllo integrale della filiera produttiva, dalle coltivazioni biologiche, ricerca, produzione, fino alla distribuzione nei canali professionali. Per sostenere la nostra crescita siamo impegnati in sempre maggiori investimenti a tutti i livelli. Nei prossimi quattro anni stanzieremo oltre 150 milioni per espandere la nostra capacità produttiva diretta fino a 100 milioni di pezzi/anno e continueremo a sostenere innovazione e comunicazione, per continuare a diffondere i nostri valori”.

Autore:

Silvia Pieraccini

Potrebbe interessarti anche

Articoli Correlati


Industria

20 giugno 2024

Sesa cresce (più del mercato) e nel 2024-25 rafforza il welfare aziendale

Leggi tutto
Industria

20 giugno 2024

Tregua su Amadori, un addio con garanzie (anche per gli avventizi)

Leggi tutto
Impresa

20 giugno 2024

Unicredit supporta lo sviluppo sostenibile di Next Yacht Group

Leggi tutto

Hai qualche consiglio?

Scrivi alla nostra redazione

Contattaci