8 dicembre 2022

Logo t24
Il quotidiano Economico Toscano
menu
cerca
Cerca
Impresa

20 ottobre 2022

A Piombino sfilano tremila ‘no’ al rigassificatore

La manifestazione contro la nave che dovrebbe essere installata nel porto ha riunito cittadini e forze politiche distanti. Appello a Giani.

Silvia Pieraccini

“Se la nave arriverà bloccheremo la città”: è il grido che il lungo corteo – formato da comitati, studenti, sindacati, associazioni ambientaliste, forze di sinistra, semplici cittadini e famiglie con bambini, arrivati anche dall’Isola d’Elba e da altre parti della Toscana, in tutto circa tremila persone – ha scandito stamani a Piombino per dire “no” al progetto deciso dal Governo Draghi, e appoggiato dal presidente della Regione Eugenio Giani, di installare una nave rigassificatrice nel porto della cittadina toscana per tre anni. La nave, la Golar Tundra già comprata da Snam, è destinata a rigassificare cinque miliardi di metri cubi di gas all’anno (che arriverebbe via mare in forma liquida) per tamponare l’emergenza che si è aperta col taglio delle forniture dalla Russia.

I manifestanti temono per la salute e la sicurezza

La preoccupazione dei manifestanti – che hanno aperto il corteo con lo striscione ‘La sicurezza non si compensa’, e hanno alternato gli slogan ‘No al rigassificatore’, ‘Giù le mani da Piombino’, ‘Giani go home’, ‘Il mare è nostro e non si tocca’ – è che avere un grosso serbatoio di gas vicino alle abitazioni (il porto di Piombino è in città) rappresenti un pericolo per la salute e per la sicurezza.

Alla manifestazione ha preso parte anche il sindaco di Piombino, Francesco Ferrari (Fratelli d’Italia), che fin da subito si è opposto al progetto della nave nel porto cittadino: “Il no della città di Piombino al progetto del rigassificatore è invalicabile – ha detto intervenendo alla manifestazione – a Giani chiedo di ricoprire il suo ruolo di commissario: non è stato nominato tale per autorizzare, ma per verificare se l’opera è autorizzabile, e non lo è”. Ferrari ha poi replicato all’accusa alla comunità di Piombino di voler mettere in difficoltà il Paese sotto il profilo energetico: “La respingiamo al mittente – ha detto – se c’è una responsabilità è quella di aver scelto Piombino senza aver prima verificato se era idonea. Vogliamo difendere il futuro dei nostri ragazzi”.

Gli ultimi passaggi: conferenza dei servizi e autorizzazione

La protesta di Piombino arriva alla vigilia dell’ultima riunione della conferenza dei servizi, prevista domani 21 ottobre a Firenze, che dovrebbe dare il via libera all’opera prima dell’autorizzazione all’attività che sarà firmata (entro il 27 ottobre) dal commissario Giani. Quell’autorizzazione però – ha confermato Giani – non conterrà l’indicazione sulla destinazione finale (che dovrebbe essere off-shore) della nave rigassificatrice, al termini dei (promessi) tre anni di permanenza in porto. “Porremo a Snam un tempo limite di 45 giorni, come elemento di sospensiva o condizionante – ha affermato il commissario – per indicarci il luogo dove realizzare il terminal”.

Sarà anche questo uno degli elementi di protesta che i manifestanti sottolineeranno a Firenze, sotto la sede della Regione, nel presidio che si terrà domani, 21 ottobre, in concomitanza con la riunione della conferenza dei servizi.

Autore:

Silvia Pieraccini

Potrebbe interessarti anche

Articoli Correlati


Territorio

08 dicembre 2022

Terme di Montecatini, la Regione compra tre stabilimenti (16,4 milioni) per salvarle

Leggi tutto
Territorio

07 dicembre 2022

“I pannelli solari a Firenze? Meglio sui tetti dei capannoni”

Leggi tutto
Territorio

06 dicembre 2022

Rigassificatore di Piombino, udienza al Tar del Lazio il 21 dicembre

Leggi tutto

Hai qualche consiglio?

Scrivi alla nostra redazione

Contattaci